mercoledì 15 dicembre 2010

Pasta di zucchero


Prima volta che faccio la pasta di zucchero ed è riuscita perfettamente! Che bellezza! Avevo paura che mi venisse una schifezza come con l'MMF, talmente appiccicoso che ho dovuto buttarlo via (oltre che sradicarlo a suon di sapone dalle mie mani...), invece è venuta bene e sono molto soddisfatta! Ricordate che la pasta di zucchero contiene gelatina alimentare (derivata dal maiale), non proprio digeribilissima, quindi consiglio di usarla solo per necessità o in occasioni speciali. E' anche vero che la quantità di gelatina non è tantissima rispetto allo zucchero a velo, ma non abusatene! Io l'ho fatta bianca, in modo da non usare coloranti alimentari. 

Ingredienti (panetto per torta fondant di media grandezza):

30 mL acqua
2 fogli di gelatina pane angeli
50 gr miele
4 buste di zucchero a velo pane angeli (circa 450 grammi)

Preparazione:

mettete la gelatina in un bicchiere di acqua fredda e lasciate riposare per 10 minuti circa. In un pentolino scaldate il miele con l'acqua in modo che si sciolga del tutto. Spegnete il gas e aggiungete la gelatina rammollita e ben strizzata. Mescolate bene. Versate il composto ottenuto in una grande ciotola, e aggiungete quasi tutto lo zucchero. Dico quasi perché io non l'ho usato tutto. Potete cominciare con 3 buste e mezzo, ma lasciatene un po' perché ne dovrete aggiungere durante la lavorazione (e anche poi per stenderla). Ho usato l'unico miele che avevo in casa, cioè quello all'eucalipto della Rigoni. Molto buono e ha dato un sapore speciale alla pasta, ma il candore ne ha risentito un po', quindi se ne volete una perfettamente bianca dovrete usare un miele molto più chiaro. Mescolate pian piano con un cucchiaio, finché potete. Arriverà il momento in cui non riuscirete più a mescolare e dovrete usare le mani. A quel punto però la pasta, anche se appiccicosa, sarà sufficientemente adatta per essere manipolata con le mani. Aggiungete lo zucchero e lavoratela di continuo finché comincerà ad appiccicarsi sempre meno, e riuscirete da sole a capire quando sarà pronta. Non appiccicherà molto, e sarà ben morbida da poter essere stesa con un mattarello. Io ho impastato circa 15 minuti con le mani, ma dipende molto dalla vostra forza e velocità. Infine create un bel panetto tondo, e fate la prova...dito! Schiacciate la pasta con il dito indice, e toglietelo. La pasta di zuccherò sarà pronta se vedrete il solco del vostro dito, come da foto! 


Io vi consiglio di usarla subito finché è morbida, con questa quantità ho rivestito la mia stella di Natale, e ne è avanzata un po' per qualche decorazione. Se non la usate subito, rivestitela con del cellophane in modo che non stia a contatto con l'aria e conservatela in un luogo fresco, asciutto e al buio, anche in frigo se volete. Vi durerà circa due mesi. Quando la andrete a riprendere si sarà un po' indurita. Per usarla dovrete aggiungere un po' di acqua tiepida e ancora zucchero a velo. Nel mio caso ho aggiunto quello bianco al sapore di cocco, poco prima di stendere la pasta sulla mia torta!
A piccole dosi, è una coccola non indifferente!

1 commento:

Bblogger ha detto...

mai fatta, ma forse è quella la colla magica che tiene insieme i pezzi della mia casa di pan di zenzero (volevo fotografarla ma le bimbe sono arrivate prima del dovuto ....)
baci

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...